SPEDIZIONE GRATUITA A PARTIRE DA 79€ RITIRO GRATUITO PRESSO IL PICKUP POINT DI MERANO
Santa Maddalena Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
D.O.C.

Santa Maddalena Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano

12,31€*
Contenuto: 0.75 litri | 16,41€ * / 1 litri |

Prezzi incl. IVA più spese di spedizione

Disponibile

Codice articolo: SW12377
-
+
Descrizione
In passato, quest’uvaggio tradizionale...

In passato, quest’uvaggio tradizionale ottenuto dai due vitigni autoctoni Schiava e Lagrein, non solo rivestiva un ruolo di primo piano nella produzione vinicola altoatesina, ma era anche uno dei rossi più noti d’Italia. Questo vino, che prende il nome dal villaggio vinicolo di Santa Maddalena alle porte di Bolzano, con la sua eleganza e le sue note fruttate ha ancora oggi molti sostenitori, e sta tornando gradualmente in auge.

Annata

L'anno vinicolo 2019 è stata anno molto vario. È iniziata con un marzo secco e caldo. A questo è seguito un aprile mutevole e un maggio piovoso e molto fresco. Questo clima fresco prolungato ha portato ad uno sviluppo molto lento delle viti e ha portato ad una fioritura un po' ritardata delle viti all'inizio di giugno. A questo è seguito un giugno caldo di mezza estate, caratterizzato da un'ondata di caldo estremo con valori record vicino ai 40° Celsius. Questo tempo ha favorito una crescita rapida e rigogliosa della vite. I mesi di luglio e agosto non erano più così caldi. Nel frattempo si sono verificate ripetute tempeste di calore, che da un lato hanno fornito il necessario raffreddamento e dall'altro, localmente ma hanno anche causato forti grandinate, con grandi danni soprattutto nella zona intorno a Bolzano e Grigioni. Il raccolto è iniziato nella prima settimana di settembre e quindi, guardando indietro agli ultimi 10 anni, è stato un po' ritardato. Un bellissimo autunno ha permesso una buona maturazione dell'uva e promette una buona annata 2019.

Clima

Le guglie svettanti delle Alpi proteggono l’Alto Adige dalle correnti atlantiche più fredde provenienti da Nord, mentre verso Sud il territorio si apre agli influssi mediterranei. Queste caratteristiche orografiche fanno sì che l’escursione termica fra il giorno e la notte sia molto marcata, favorendo una maturazione elegante delle uve. Anche sul versante meridionale, diverse catene montuose, come il gruppo dell’Adamello, svolgono una funzione di schermo climatico, ed è per questo che le precipitazioni annuali sono solo un terzo di quelle registrate nelle Prealpi meridionali, mentre l’irraggiamento solare è più elevato. Queste peculiarità climatiche sono molto simili ad altre zone vinicole europee, come il Vallese in Svizzera. In ciascuno dei trecento giorni di sole dell’anno, quando i primi raggi spuntano dietro le montagne a Est di Terlano, il sole è già alto all’orizzonte, poiché tutti i nostri vigneti sono orientati verso Sud e Sudovest. La bassa densità dell’atmosfera fa sì che l’irraggiamento solare diretto sia più intenso, mentre l’irraggiamento diffuso è minore, e questo fattore accentua le differenze fra i pendii soleggiati e quelli in ombra.

Origine

Pur essendo una delle più piccole fra le zone vinicole italiane, l’Alto Adige, grazie alla sua collocazione geografica adagiata lungo la cerniera fra la catena alpina e il Mediterraneo, è una delle più variegate. Il paesaggio vitivinicolo di oggi è frutto d’innumerevoli generazioni di vignaioli che hanno plasmato il territorio, coltivando la vite nelle zone climatiche più disparate, dai 200 ai 1.000 metri di quota. I vini che ne scaturiscono spiccano per il loro carattere, autentico e unico, con una chiara prevalenza dei bianchi: il 60 percento della superficie vitata, infatti, è coltivata a uve bianche, il 40 percento a uve rosse.

 

Caratteristiche
Vino Provenienza: Alto Adige - Italia Denominazione DOC: Alto Adige Varietà: 85 %...

Vino

Provenienza: Alto Adige - Italia

Denominazione DOC: Alto Adige

Varietà: 85 % Schaiva, 15% Lagrein

Annata: 2019

Resa: 63 hl/ha

Pendenza: 20 - 50 %

Altitudine: 300 - 600 m s. l. m.

Vinificazione

Vendemmia e selezione delle uve manuali. Diraspatura degli acini e successiva fermentazione lenta a temperatura controllata, e movimentazione delicata del mosto in cisterne d’acciaio inox. Fermentazione malolattica e affinamento per 7-8 mesi in botti di legno grandi. 

Dati tecnici

Gradazione alcolica: 13,00 % vol

Zucchero residuo: 1,0 g/l

Acidità totale: 4,5 g/l

Bicchiere suggerito: Bicchiere Bordeaux

Temperatura di servizio: 12 - 14 °C

Abbinamenti semplici

Piatti altoatesini come affettati affumicati (speck e bresaola), ma anche carne salada di cervo con funghi sottolio e mousse di formaggio fresco, o manzo all’agro. Un'altra combinazione interessante è quella con le tagliatelle alla salsiccia, o col bollito misto in salsa verde su letto di patate al prezzemolo.

Descrizione del vino

Colore: rosso rubino carico

Profumo: Con un chiaro profumo fruttato che di primo acchito ricorda la bacca di sambuco e la ciliegia, affiancato da un aroma di mandorla amara e una sfumatura di violetta, il Santa Maddalena è un vino che nel naso convince molto.

Sapore: Il gusto fruttato si ripropone anche al palato, ma più morbido ed elegante, dando a questo vino, insieme alla sua acidità equilibrata e livello tannico bassto unicità e classe.

Invecchiamento

Conservare in un luogo fresco dotato di temperatura costante e alta umidità ed esposto il meno possibile alla luce.

Temperatura della cantina: 10 - 15 °C

 

Produttori e loro prodotti
Per conservare le tradizioni, spesso bisogna...

Per conservare le tradizioni, spesso bisogna avere il coraggio e la coesione per imboccare strade nuove. Due virtù che sicuramente non mancarono ai viticoltori di Terlano quando, nel 1893, decisero di fondare la cantina sociale. Quella scelta, allora quanto mai innovativa, si è dimostrata valida fino ai giorni nostri, e oggi, grazie al suo vino, Terlano è un villaggio noto a tutti gli appassionati del mondo.

Quando nacque la cantina – nel 1893 – l’agricoltura era uno dei fattori trainanti dell’economia locale. Ma a parte alcuni sparuti pionieri che già un secolo prima, ispirandosi all’esempio della Renania, avevano importato vitigni preziosi dalla Germania e dalla Francia, il comparto agricolo languiva in uno stato di forte arretratezza, dominato da pochi latifondisti.

Anche nella viticoltura, quindi, erano i grandi proprietari terrieri a dettare le regole. Proprio per sottrarsi a questa dipendenza, 24 piccoli viticoltori di Terlano decisero di mettersi insieme fondando la cantina sociale. Benché alla fine dell’Ottocento in Alto Adige il rapporto tra i rossi e i bianchi prodotti fosse di 80:20, Terlano già nel 1893 si era delineata come zona di produzione di vini bianchi, e col tempo ha consolidato questa sua posizione. Oggi, alla Cantina di Terlano il 70 percento della produzione è costituito da vini bianchi, e il 30 percento da vini rossi.

I primordi della viticoltura

A Terlano, la produzione vinicola ha radici preromane. Grazie al clima favorevole e ai terreni disposti in quota, al riparo da inondazioni, la zona di Settequerce, San Maurizio e Gries era apparsa subito ideale per gli insediamenti umani. Diversi reperti archeologici (mestoli e recipienti di bronzo) testimoniano una cultura vinicola che risale al 5° o 4° secolo avanti Cristo.

Ma la prova certa di una viticoltura preistorica giunse col ritrovamento della “roncola di Settequerce”, della tarda età del ferro. La forma particolare di questa roncola, con l’estremità molto ricurva della lama, suggerisce chiaramente la sua funzione per la potatura della vite, anche perché quel tipo di utensile si è mantenuto pressoché invariato fino ai giorni nostri. Oltre alla roncola, diversi altri reperti di datazione analoga testimoniano la presenza di notevoli quantità di vinaccioli in quel periodo, a dimostrazione del fatto che a Terlano si praticava la viticoltura già nella tarda età del ferro.

I vigneti

Una particolarità di Terlano è la microparcellizzazione dei vigneti, che agevola la loro gestione più accurata e mirata. Il fatto che molti vigneti si trovino su terreni impervi richiede più lavoro manuale, ma dà alla Cantina molti più margini per ottenere da ogni vigna tutto il suo potenziale di qualità. L’obiettivo è mantenere sane e vitali quante più viti antiche possibile, in modo che ciascun vigneto possa dare il meglio di sé nei vini ottenuti. Rinunciare all’uso degli erbicidi, e coltivare il terreno in base alle esigenze di ciascun vigneto, sono due presupposti essenziali per una viticoltura in sintonia con la natura.

In ogni vino si cela un’anima

ha bisogno d’amore, di cura e anche di propri piccoli segreti. Uno dei segreti della cantina di Terlano è l’archivio enologico, uno scrigno delle rarità: ricavato a 13 metri di profondità, custodisce circa 100.000 bottiglie di tutte le annate dal 1955 ad oggi, e alcune ancora più vecchie.

L’idea venne un giorno all’ex cantiniere Sebastian Stocker - che in segreto cominciò a nascondere 500 bottiglie d’ogni annata per verificare se la sua teoria sulla longevità dei vini di Terlano fosse vera o presunta. Oggi, l’archivio enologico è il tesoro meglio conservato di Terlano. Pur essendo invecchiati in alcuni casi anche più di 50 anni, i vini bianchi che custodisce hanno ancora una freschezza stupefacente, un’acidità raffinata e un aroma assolutamente intatto, apprezzati dagli appassionati, e ricercati dai sommelier dei ristoranti più esclusivi.

Spesso l’archivio enologico è paragonato a una biblioteca storica, poiché ha il compito di conservare le varie annate, ma è anche una collezione enologica creata per consentire degustazioni comparative. Oggi abbiamo la fortuna di poter attingere a questo fondo prezioso per studiare lo sviluppo delle tecniche di vinificazione, e per conoscere sempre meglio le caratteristiche e la natura dei vini.

A proposito, la più antica delle bottiglie di Terlano risale nientemeno che al 1893, e al momento nessuno sa ancora se sarà mai stappata, né per quale occasione ciò potrebbe accadere.

Grazie alle sue caratteristiche climatiche e geologiche particolari, il territorio di Terlano si è meritato una propria denominazione d’origine controllata (DOC).

 

Ciò significa che, oltre alla denominazione “Alto Adige”, i vini di Terlano recano anche l’appellativo di terroir “Terlaner”. L’indicazione “classico” è riservata ai vitigni tipici che crescono nella zona classica del vino di Terlano, che si estende fra i comuni di Andriano, Nalles e Terlano.

Prodotti simili
Classic Rotwein Box - 6 bottiglie di vino rosso tipiche regionali italiane
Vinusta Classic Rotwein Box - 6 bottiglie di vino rosso...
Contenuto 4.5 litri (16,97 € / 1 litri)
76,38 € *
-
+
Torilan Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Kellerei Terlan Torilan Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Contenuto 0.75 litri (20,52 € / 1 litri)
15,39 € *
-
+
Pinot Noir Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Kellerei Terlan Pinot Noir Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Contenuto 0.75 litri (23,56 € / 1 litri)
17,67 € *
-
+
Lagrein Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Kellerei Terlan Lagrein Tradition, DOC, 2019 - Cantina Terlano
Contenuto 0.75 litri (19,00 € / 1 litri)
14,25 € *
-
+
Monticol Selection, DOC, 2017 - Cantina Terlano
Kellerei Terlan Monticol Selection, DOC, 2017 - Cantina Terlano
Contenuto 0.75 litri (35,72 € / 1 litri)
Da 26,79 € *
-
+
Etna Rosso DOC 2015 BIO - Tenuta Masseria Setteporte
Tenuta Masseria Setteporte Etna Rosso DOC 2015 BIO - Tenuta Masseria...
Contenuto 0.75 litri (24,17 € / 1 litri)
Da 18,13 € *
-
+
Rosso di Montepulciano D.O.C. 2019 - Salcheto
Salcheto - Montepulciano Rosso di Montepulciano D.O.C. 2019 - Salcheto
Contenuto 0.375 litri (18,21 € / 1 litri)
Da 6,83 € *
-
+
Bolgheri Rosso DOC 2019 - Michele Satta
Michele Satta Bolgheri Rosso DOC 2019 - Michele Satta
Contenuto 0.75 litri (28,03 € / 1 litri)
21,02 € *
-
+